Storia

Teatro Proskenion

Associazione Culturale

title-line

Il Teatro Proskenion è composto da attori di teatro, intellettuali, artisti di diversa provenienza e formazione, svolge attività artistiche e di ricerca, rassegne internazionali, iniziative nel campo sociale, attività di rete, produzioni di vario tipo e spettacoli.

Foto chi siamo

 

Il Teatro Proskenion è stato fondato ufficialmente nel 1989 a Reggio Calabria. Composto da attori di teatro, musicisti, cantastorie, intellettuali, artisti di diversa provenienza e formazione. Proskenion svolge attività artistiche e di ricerca, rassegne internazionali, iniziative nel campo sociale, attività di rete, produzioni di vario tipo e spettacoli. 

Nel 1999 ha fondato e diretto il progetto “Clown in Corsia”, presso gli Ospedali Riuniti di Reggio Calabria, divisione di Pediatria, portando per la prima volta in Calabria l’esperienza della clownterapia in collaborazione con il Gesundheith! Institute di Patch Adams e Clown One Italia Onlus. 

Nell’anno 2010 ha diretto un corso di formazione sotto l’egida del Ministero delle Pari Opportunità per Clownterapia.

Fino al 2007 è stato diretto da Claudio La Camera e ha collaborato attivamente con l’ISTA (International School of Theatre Anthropology) dal 1995, coordinando e realizzando le sessioni annuali dell’Università del Teatro Eurasiano, fondata e diretta da Eugenio Barba in Italia.

Da gennaio 2014 il Teatro Proskenion è diretto da Vincenzo Mercurio.

Nel corso degli anni il Teatro Proskenion ha diretto attività di ricerca teatrale e culturale ed ha collaborato con realtà e docenti di fama internazionale:

1995 – Viene avviato il progetto “Asgard-Università del Teatro” con sede a Scilla e vengono poste le basi per la creazione di una sede progettuale sul teatro con docenti di fama internazionale. Lo scopo principale è permettere l’apprendimento da parte delle realtà giovanili, in particolare quelle strette nell’isolamento e dalla lontananza ai centri consolidati, compromesse nell’autonomia artistica. L’approccio pedagogico del centro è strutturato in una serie di corsi che trattano aspetti specifici del fare teatro, dai più recenti studi storici sul teatro contemporaneo e transculturale all’approccio a problematiche inerenti metodi e impieghi non trattati in scuole e Accademie esistenti. 

I principali Corsi dell’Università del Teatro svolti dal 1995 fino ad oggi sono: 

Teatroterapia; Teatro popolare; Antropologia Teatrale; Teatro e carcere; Teatro al femminile; Tecnica Decroux; Teatro orientale; “Maschera, Corpo, Azione”.

1994 – Prende avvio il progetto “Archéus, Donne in Teatro”. Si promuove una rassegna di spettacoli dedicati alla donna e si realizza un Convegno Internazionale di Teatro dal titolo: “Percorsi femminili nel teatro colto e nel Teatro Folklorico” diretto dal Prof. Luigi Maria Lombardi Satriani, con la partecipazione di Maricla Boggio, Laura Faranda, Annette Birbaum (Univ. Berlino), Maria Minicuci, Domenico Scafoglio.

1994 – Nasce IATEF (Istituto di Antropologia Teatrale e Folklore), sezione del Teatro Proskenion che si dedica prevalentemente alla ricerca sul Folklore e sulla cultura popolare calabrese. Realizzazione del Convegno di studi “Antropologia Teatrale e Teatro Antropologico”, con il coordinamento di Eugenio Barba e Luigi Lombardi Satriani. Scilla (Rc).

1993 – In collaborazione con la R.M.I.T (Royal Melbourne Institute Of Technology University) con A.R.I.A (Association for Researches in Intercultural Activities – Australia) e con la Regione Calabria, Assessorato alla Cultura, dirige il progetto “Donne Calabresi: identità, lavoro ed emigrazione”. Con la ricerca viene prodotto anche uno spettacolo dedicato alla donna, “Nòmos e silenzio”, rappresentato all’Università di Cosenza, ospite del Laboratorio di Ricerca e Documentazione sulla Donna “Nosside”, insieme alla Mostra di scultura su legno “Figure femminili in Calabria” dell’artista Nicola Marra.

1989 – In collaborazione con il MO.CI (Movimento per la Cooperazione Internazionale) e con il Ministero per gli Affari Esteri, partecipa al progetto di ricerca “Il Ruolo della donna nei paesi in via di sviluppo” producendo, tra l’altro, lo spettacolo teatrale “Fiume in piena” di Francesca Giordano, come attività didattica con alcune scuole medie dell’entroterra calabrese ad alto rischio di mafia. Il progetto mirava, da questo punto di vista, a rintracciare identità e differenze nelle diverse culture e coinvolgeva anche le ragazze calabresi partecipanti alla drammatizzazione.

1992-2007  TEATRO EURASIANO– Sessioni a Scilla e Caulonia, dirette da Eugenio Barba

Il Teatro Proskenion consolida la collaborazione con l’Ista (International School of Theatre Anthropology) e tra le altre attività, inizia a svolgere le sessioni annuali dell’ “Università del Teatro Eurasiano”, una delle più importanti realtà di teatro internazionale, fondata e diretta da Eugenio Barba, maestro riconosciuto del teatro del novecento. Nata nel 1992 in collaborazione con l’Università di Bologna, dal 1995 questa istituzione svolge le sue sessioni annuali a Scilla, sede del Teatro Proskenion. L’Università del Teatro Eurasiano è un rinomato appuntamento europeo di apprendimento e perfezionamento teorico pratico per la presenza, rarissima, di numerosi esperti, italiani e stranieri, delle diverse discipline legate al teatro in un unico luogo di ricerca e formazione. Le sessioni e il cast scientifico di questo importante centro di ricerca teatrale, in sette anni ha convogliato in Calabria centinaia di studenti e artisti provenienti da trenta nazioni dei cinque continenti.

1995-2007 LINEA TRASVERSALE

<<(…) Creare il proprio castello di libertà chiamato teatro significa saperlo difendere ma soprattutto saper rompere l’isolamento, attraverso persone unite non dalle stesse affinità, ma dagli stessi bisogni. Linea Trasversale è un esempio concreto di come si rompe l’isolamento, di come si crea una rivolta, di come si collabora insieme, di come ognuno conserva la propria identità e specificità, il proprio essere in minoranza. E’ un esempio di come si costruisce una fortezza in qualunque luogo geografico. La storia sotterranea del teatro è la storia di costruttori di castelli>>. (Eugenio Barba, Università del Teatro Eurasiano, III sessione, Scilla, giugno 1996).

Dal 2007 in avanti Teatro Proskenion ha proseguito le sue attività di ricerca teatrale in due ambiti in  special modo: La Commedia dell’Arte ed il Cantastorie.

Nel corso degli anni Teatro Proskenion ha lavorato con mostre, conferenze, spettacoli, seminari, laboratori e dimostrazioni di lavoro sulla costruzione e l’uso delle maschere della Commedia dell’arte, sulla tecnica teatrale del Cantastorie, sugli aspetti transculturali delle marionette e delle maschere nelle varie culture teatrali europee.

Ha lavorato con personalità importanti della scena teatrale internazionale: Eugenio Barba e Julia Varley (Odin Teatret), Franco Ruffini, Mirella Schino (Univ. Roma Tre), Ferdinando Taviani (Univ. L’Aquila), Nicola Savarese (Storico di teatro), Leris Colombaioni, Luca Ruzza (Università Roma), Walter Orioli.

Ha collaborato e collabora con gli Istituti Italiani di Cultura di Dublino, Vienna, Innsbruck, Montevideo, Edimburgo e con la Comunità Italiana in Scozia, Inverness e la Comunità calabrese di Portchester (NY, USA), in collaborazione con L’Assessorato all’emigrazione, Regione Calabria e lo Scilla-Cariddi Club di Portchester, NY.

Ha collaborato e collabora con Università dell’Aquila; Università Roma Tre; Trinity College di Dublino; Department of Theatre, Film and Television Studies-Università di Glasgow (Scozia); Royal Scottish Academy of Arts and Drama; Scottish Mask & Puppet Centre, Glasgow; TEU-Università Federale del Minas Gerais (Brasile): collaborazione con il Consolato Italiano di Belo Horizonte; Wesleyan University di Middletown – Connecticut (USA); Stella Adler Conservatory di New York; Victoria College of Arts-Victoria University di Melbourne (Australia); TTE (Taller de Tecnología de l’Espetacle), Barcellona (Spagna), Actors in Transit.Glasgow (Scozia)

Nel 2005 Organizza il Kaulonia Tarantella Festival a Caulonia 

E’ una delle realtà teatrali ufficiali della Regione Calabria.