Levate ‘a Pistol Down

“Levate ‘a pistol down!”

di Vincenzo Mercurio

con Giosuè Facciolà, Vincenzo Mercurio

Tra guappi, onore e contrabbando, la vita di Assunta Maresca detta “Pupetta” e il filo conduttore e pretesto per un ritratto di comportamenti e vizi della societa oltre la soglia della legalita.Vincenzo Mercurio, attore e musicista, parte dalla storia della sua famiglia materna emigrata dalla Calabria verso un paese campano negli anni ’70 per raccontare un cinquantennio nella provincia napoletana. Il racconto e principalmente musicale e viaggia dalla tradizione classica alla sceneggiata, al neomelodico. Tutto a Napoli è musica, perfino la sotto- cultura criminale ha la sua espressione, che non manca di essere stigmatizzata nello spettacolo. Napoli è un passare. Uno sconfinare.

Vincenzo Mercurio fa parte del Teatro Proskenion dal 2000. Partecipa alla produzione degli spettacoli, alle attività di ricerca e agli incontri internazionali di teatro di “Linea Trasversale”. Partecipa e collabora all’organizzazione dell’Universita del Teatro Eurasiano diretta da Eugenio Barba. Dal 2014 dirige il Teatro Proskenion. Come attore e musicista e nello spettacolo “Pulcinella a Pezzi”, “Inutile comm’ ‘a puisia”, “Frullato di Passioni” “La festa dell’Oblio”, Katabasis”, “Naples”, “Levate ‘a pistol down”, “Viviani dalla vita alle scene”, “Il gatto e la luna”, “La guerra di prima” “’O Megalomenén” prodotti dal Teatro Proskenion. Come regista per il Teatro Proskenion cura gli spettacoli “Rosetta Malaspina. Ovvero da un punto dell’eternita”, “Dalla vita alle scene” ispirata all’autobiografia di Raffaele Viviani con la Piccola Orchestra Vivianea di Campobasso, “Salsi Colui. Storie sepolte” con l’Ensemble Proskenion, e “Lo Specchio e il Silenzio”. Ha coordinato diversi progetti di teatro sociale e dal 2007 collabora alle attività dell’Osservatorio sulla ndrangheta con particolare attenzione alle attività di sensibilizzazione e ricerca sui canti di malavita e sul business dei neomelodici e di come questi linguaggi criminali vengono utilizzati per creare consensi.

INFO

teatroproskenion@gmail.com